DOCENTI

Serena Bicego

Archi

Si è diplomata in violino presso il Conservatorio "C. Pollini" di Padova sotto la guida del Maestro Piero Toso. Si è poi perfezionata con il Maestro Giuliano Carmignola e Franco Rossi per la musica da camera. Ha tenuto concerti in duo e in trio con pianoforte e violoncello, ha suonato con i Solisti Veneti e l'orchestra di Padova e del Veneto con la quale collabora dalla fondazione. E' una insegnante preparatrice dell'Orchestra Giovanile I "Pollicini" e rivolge particolare attenzione agli allievi più piccoli.

E' docente delle classi di violino presso il Conservatorio "C. Pollini" di Padova.

 

 

Bruno Beraldo

Archi

Inizia gli studi musicali col padre seguendolo e coadiuvandolo nelle sue mansioni di organista. Intrapreso successivamente lo studio del violoncello, si diploma presso il Conservatorio di Padova, ed amplia la sua preparazione strumentale e musicale con i maestri Michael Flaksman, Amedeo Baldovino, Alain Meunier, Dario De Rosa, Franco Rossi e  Dino Asciolla . Si avvicina alla composizione con Wolfango Dalla Vecchia e quindi alla direzione d’orchestra con Yulis Kalmar, Massimo Pradella, J. Panula, mentre con Werner Pfaff si perfeziona nella direzione corale. Ha collaborato con varie orchestre del veneto. Attualmente svolge principalmente attività cameristica. Titolare della cattedra di “Musica d’Insieme per Archi” presso il Conservatorio di Padova, è tra i responsabili della preparazione e dell’organizzazione dell’orchestra giovanile dell’Istituto.

Fabrizio Scalabrin

Archi

Diplomato lo stesso anno col massimo dei voti in violino e in viola, ha studiato con P. Toso, G. Ruymen, M. Spirk, C. Romano, D. Asciolla e W. Christ presso l'Accademia di Mannheim. Vincitore di importanti rassegne e idoneità presso importanti orchestre italiane e all'estero (Germania, Sud Africa, Svezia). Ha svolto intensa attività concertistica e discografica, anche come solista nei quattro continenti e attualmente collabora come I° viola di prestigiose orchestre italiane, affiancando da trent'anni l'attività didattica presso il Conservatorio di Padova, la ricerca musicologica del repertorio e la pratica di strumenti ad arco caduti in disuso.

Chiara Parrini

Archi

Chiara Parrini si è diplomata in violino nel 1985 presso il Conservatorio “C. Pollini” di Padova sotto la guida del M° Piero Toso. Nello stesso anno vince il concorso per giovani talenti “Città di Genova”. Dopo aver seguito i corsi di perfezionamento all’Accademia di Portogruaro con Pavel Vernikov, nel 1986 vince la borsa per proseguire gli studi presso la “International Menuhin Music Academy” di Gstaad (CH), dove studia violino sotto la guida del M° Alberto Lysy e viola con Johannes Eskar. Si diploma in violino nel 1989 alla presenza di Yehudi Menuhin. Con la “Camerata Lysy” e Yehudi Menuhin si esibisce in teatri e sale di prestigio.

Nel 1990 consegue un master di perfezionamento in violino presso il Conservatorio di Basilea con Adelina Oprean (vincitrice del Concorso di Ginevra).

Nello stesso anno inizia la collaborazione con “I Solisti Veneti” diretti dal M° Claudio Scimone.

Con “I Solisti Veneti” si esibisce come solista nelle sale più belle e prestigiose del mondo (“Teatro Alla Scala” di Milano, “Musikverein” di Vienna, “Sala Tchaicovsky” di Mosca, “Tokyo Opera Hall”, “Operà” di Parigi, “Salle Pleyel”, “Concertgebouw”, teatro “Colon” di Buenos Aires, “Concert Hall” di Singapore, “Tel Aviv Performinf Arts Center”, “Teatro de Bellas Artes” di Mexico City, “Hermitage” di San Pietroburgo, Auditorium di “Santa Cecilia” a Roma, “Teatro La Fenice” di Venezia” e molte altre), partecipando così a tournée in tutta Europa, USA, Canada, Messico, Cina, Australia e Sud America, in occasione dei principali Festival Internazionali.

Queste occasioni l’hanno portata a collaborare con artisti di fama mondiale, sia in orchestra che con l’ “Ensamble Vivaldi”: Uto Ughi, Salvatore Accardo, Itzak Perlmann, Isac Stern, Jean Pierre Rampal, James Galway, Michaela Petri, Cecilia Gasdia, Stanislav Bunin, Oleg Vereshchagin.

Nel 2006 viene invitata all’Università di Clemson negli USA, per esibirsi nel triplo concerto di Beethoven con i fratelli Fabio (pianista e docente alla “North Greenville University” nel South Carolina) e Alberto (cello alla “New York Philarmonic”), riscuotendo grande successo.

Collaborando con i M° Scimone e Lucio Degani prende parte a Masterclass in veste di insegnante in Oman (Emirati Arabi), Caracas, con l’Orchestra “Simon Bolivares” del M° Abreu, Yere- van (Armenia) e Shangai; alcune di queste diffuse in canali televisivi internazionale (SKY Classica).

Ha collaborato, inoltre, come spalla dei secondi violini con l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna e , inoltre, con l’Orchestra Filarmonica del “Teatro La Fenice” di Venezia, con l’ Orchestra da Camera di Padova, con l’Orchestra della Svizzera italiana di Lugano.

Nel 2003 ha registrato con “I Solisti Veneti”, in veste di solista, le “Quattro Stagioni” si A. Vivaldi in DVD per la TDK Mediactive, produzione Rai trade; nel 2006, sempre in DVD “Vivaldi - Gloria and other sacre music” per la Dynamic; nel 2009 il “Concilio de’ Pianeti” di T. Albinoni.

Nel 2010 si è esibita, per il Senato della Repubblica, al Concerto di Natale, ripreso dal vivo e diffuso in eurovisione dalla Rai.

Nel Marzo del 2014 presenta in prima mondiale il concerto per viola d’amore e archi, dedicato e composto espressamente per “I Solisti Veneti” dalla compositrice Anne Veissmane, in occasione della manifestazione “Donne in Musica”.

In merito alla sua versatilità musicale viene invitata a collaborare nel 2014, dal gruppo “Dire Straits Overgold”, per un concerto di inaugurazione al “Teatro Verdi” di Padova, in qualità di primo violino e arrangiatore musicale, avvicinandosi così anche al genere rock.

Durante l’a.a. 2013-2014 è stata docente della cattedra di violino al Conservatorio di Musica “G. Ghedini” di Cuneo. Nell’a.a. 2014-2015 e nell’a.a. corrente 2015-2016 è docente della cattedra di violino presso il Conservatorio di Musica “A. Cilea” di Reggio Calabria. Ad oggi è primo violino solista de “I Solisti veneti”, con i quali continua la propria attività concertistica.

Carlo Di Turri

Chitarra

Carlo Di Turi nasce a Padova il 23 luglio 1978 ed intraprende lo studio della chitarra allʼetà di 14 anni. Nel corso dellʼanno 2001 supera brillantemente lʼesame di ingresso al Conservatorio “A.Buzzolla” di Adria iscrivendosi alla classe di chitarra del maestro Maurizio Pagliarini con il quale si diploma poi nel 2010 presso il Conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara.

Nel suo percorso musicale affronta numerose attività professionali che lo portano ad ottenere diversificate esperienze artistiche. Segue corsi di perfezionamento con Eduardo Isaac, Pavel Steidl ed Elena Casoli e nellʼanno 2005 frequenta attivamente in Francia un masterclass intensivo sotto la guida del Maestro Alberto Ponce.

Dal 2003 inizia un lungo periodo di docenza presso diverse scuole musicali patavine.

Durante lʼestate 2006 collabora come con lʼOrchestra Giovanile Saccisica di Piove di Sacco eseguendo un concerto dedicato alle colonne sonore da film. Nel corso dell’anno 2007 affianca al proprio percorso di studi in Conservatorio lʼinsegnamento del Maestro Lucia Pizzutel.

Dal 2008 si è esibito con la voce di Silvia Frigato, la violinista russa Lada Bronina ed in duo con il chitarrista Filippo Bertipaglia, in duo nel repertorio rinascimentale con la voce di Stella Talami, partecipando successivamente a numerose collaborazioni teatrali.

Nell’anno 2012 si laurea in Scienze della Comunicazione con una tesi musicologica ad oggetto l’analisi sinestetico musicale dei film Fantasia di Walt Disney e nel 2015 si laurea in Didattica dello Chitarra presso il Conservatorio Statale di Musica   “C. Pollini” con votazione 110 e lode. A marzo 2016 ottiene l’abilitazione TFA per la didattica nella chitarra classica classe di concorso AB56, sempre nello stesso anno vince il concorso scuola 2016 nelle classi di concorso AB55 e AB56 (insegnamento della chitarra nella scuola secondaria di secondo e primo grado).

Attualmente insegna c/o Istituto Barbarigo di Padova; oltre a dedicarsi all’attività di insegnamento, si esibisce in concerti sia nel repertorio solista che cameristico. Sta inoltre apporofondendo lo studio dello strumento nella prassi esecutiva della chitarra  barocca con il maestro Rosario Cicero.

Mirko Ballico

Pianoforte/Tastiera

Musicista poliedrico e dalle competenze interdisciplinare. Ha in repertorio otto secoli di musica organistica, dal Gotico al Contemporaneo. Inizia il percorso musicale da autodidatta. Ha successivamente studiato al conservatorio di Vicenza diplomandosi  in soli 4 anni in organo e composizione organistica con il massimo dei voti, alla “Bruckner Universität” di Linz ottenendo il Bachelor con lode in Konzertfach-Orgel e infine al conservatorio di Verona dove in 3 anni ha conseguito il diploma in Strumentazione Bandistica, il diploma di Composizione e il Master in Organo con 110 e lode. Ha studiato organo con Brett Leighton, C. Rieger, M. Radulescu, L. Rogg, W. Zerer, M. Raschietti, L. Signorini, composizione con F. Zandonà e E. Pisa, direzione d’orchestra con C. Rebeschini.

Vincitore del premio “Paul Hofhaimer” di Innsbruck nel 2007, titolo consegnato solo 6 volte nella storia cinquantennale del concorso. E’ stato finalista al concorso di Innsbruck anche nel 2004 ottenendo il secondo premio ex-aequo ed è stato premiato ai concorsi organistici nazionali di Viterbo (2000 – vincitore categoria “corso superiore”), Angullara Veneta (2000 - secondo premio e 2001 - primo premio) e internazionali di Caldaro (2001 - terzo premio), Füssen (Germania 2002 - secondo premio), Borca di Cadore (2003 - terzo premio) e Carunchio (2008 - Primo Premio). Nel 2013 ha vinto il 1° Premio al concorso di composizione “BPV” organizzato dal Conservatorio di Verona nella categoria “trascrizione” e nel 2014 il 2° Premio nella categoria “composizione originale per gruppo cameristico” dello stesso concorso.

Scrive per coro e orchestra (Kyrie e Gloria da concerto), più strumenti a tastiera (2 concerti per 2 organi e un ciclo natalizio per 3 organi), pezzi per soli, musica da camera (diverse suites per pianoforte e strumento solista, brani su commissione per gruppi di Flauti, Saxophoni, gruppi misti) e composizioni per orchestre giovanili (più volte eseguite in occasioni di campus residenziali). Molto vasto il suo catalogo organistico che comprende circa 20 pubblicazioni tra cui “Auf den Wecker” (2004), inserito come pezzo obbligatorio in finale al Concorso Internazionale di Borca di Cadore 2005

Il suo testo “Ricerchada” (più volte ristampato), manuale di interpretazione su base filologica delle musiche dal 1400 al primo 1600 risulta ancora oggi uno degli unici sunti di trattatistica rinascimentale tastieristica nel panorama italiano. Ha completato da studente 3 opere di J. S. Bach, Fantasia BWV 573, Fuga BWV 562/2 (perduta), e “O Traurigkeit” corale dall’Orgelbüchlein. Negli ultimi anni, grazie ad un forte impulso didattico, ha scritto e pubblicato un corso completo di solfeggio per i corsi pre-afam composto da un Manuale di Ritmica, Esercizi Cantati e Manuale di Lettura. Tutte le sue opere sono edite da Armelin Musica di Padova. Di prossima pubblicazione anche la sua tesi di laurea sulle “6 fughe sul nome Bach” per Pedalflügel opera 60 di Robert Schumann.

Regolarmente invitato presso istituti di alta formazione come docente ospite, ha tenuto conferenze e seminari sulla prassi esecutiva (dal Rinascimento al Barocco) e trattatistica rinascimentale per l’accademia organistica Lunelli di Trento (2011), il Conservatorio di Udine (2012), il Festival Organi Storici del Cadore (2014), il Conservatorio di Adria (2014), il Conservatorio di Alessandria (2016) il Campus delle Arti di Bassano del Grappa (2016), il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano (2017). Negli ultimi anni è stato invitato come compositore residenziale nei campi-vacanza dell’orchestra giovanile del conservatorio di Padova.

Ha registrato per le etichette “Bottega Discantica” (Opere di Pietro Morandi; J. S. Bach “Viaggio in Italia”), “Rainbow Classics” (La Sonata Organistica Veneta; Lefebure-Wely op.122) incidendo numerosi altri cd tra cui opere per 2 organi (Organi Storici del Friuli vol. III; Organo di S. Bartolomeo a Treviso) e produzioni private contenenti anche composizioni personali. Nel 2009 è stato scelto tra i migliori giovani organisti italiani per l’incisione di un cd commemorativo per i 180 anni di fondazione della ditta organaria “Mascioni” e un suo concerto è stato pubblicato in DVD dalla Fondazione Levi (Contributi per la storia dell’arte organaria e organistica in Italia, Venezia 2012).

Attivo come docente a contratto con enti e scuole statali in qualità di “esperto” e coordinatore di corsi musicali per un decennio, ha insegnato ai Conservatori di Bergamo, Bolzano, Adria e alla scuola “Miari” di Belluno, collaborando con la diocesi di Vittorio Veneto con competenze di organologia. Costruisce personalmente piccoli organi da sala (argomento portato come tesi di laurea in Austria), tra cui i molti strumenti presenti nella propria collezione privata.

Attualmente è docente di Teoria, Solfeggio e Armonia nei Corsi di Base e di accompagnamento pianistico nei Corsi Accademici del conservatorio di Padova.

Suona regolarmente come concertista in tutta Europa (Italia, Francia, Svizzera, Austria, Germania).

Steno Boesso

Fiatti

Si è diplomato in fagotto al conservatorio di Padova e in Prepolifonia al conservatorio di Venezia; in seguito ha frequentato il biennio di formazione professionale presso l’accademia “i Filarmonici di Torino”.
Ha vinto il concorso bandito dall’Orchestre de l’Opera de Lyon, diretta da J. Eliot Gardiner, per il ruolo di fagottista co-solista; nel periodo 1988-1993 partecipa a tutte le produzioni e a tutte le registrazioni discografiche (Virgin, Philips, EMI, Erato).
Nel 1997 vince il concorso per il ruolo di primo fagotto nell’Orchestra del Teatro la Fenice di Venezia.
Ha inoltre ricevuto premi e segnalazioni in diverse competizioni, tra i quali, nel 1982 la menzione speciale al VII premio internazionale “Città di Ancona” (presidente della giuria G. Petrassi), nel 1984 il I premio al I concorso “Città di Sesto S. Giovanni” (MI) grazie ad un’esecuzione al fagotto barocco (presidente della giuria B. Bettinelli).
Ha registrato, in veste di solista e di camerista, numerosi CD e ha collaborato con alcune case discografiche in qualità di direttore artistico di studio.
E’stato componente di giuria in numerosi concorsi, in Italia e all’estero; ha tenuto alcune masterclass in Conservatori francesi.
Dal 1999 al 2002, ha curato la preparazione dei fiati dell’orchestra internazionale del festival PSA Pergine Spettacolo Aperto (Trento). Nell’A.A. 2003/2004 ha curato e diretto per il Conservatorio di Trento un progetto di esecuzione integrale del Proprium de Tempore dal Graduale Triplex, sulla base dell’interpretazione sinottica delle notazioni adiastematiche.
Attualmente collabora con gruppi specializzati nell’esecuzione del repertorio barocco e classico (Accademia Bizantina, I Barocchisti) e insegna fagotto barocco al Conservatorio di Vicenza.

Chiara Pittarella

Fiatti

Dopo aver conseguito il diploma di maturità artistica col massimo dei voti presso il Liceo Artistico Statale A. Modigliani, nel 2012 si diploma in clarinetto con lode sotto la guida del maestro Ivano Fenzi presso il Conservatorio Statale di Musica C. Pollini di Padova dove poi ha continuato con il tirocinio.

Grazie ai numerosi corsi sulla propedeutica musicale, attualmente è insegnante di clarinetto, teoria musicale, propedeutica e musica d’insieme nel “Progetto Prokofiev”, nella direzione didattica di Piove di Sacco (PD) sostenuto dall’Accademia Internazionale della Cultura e delle Arti, nell’associazione A.ge.mus. di Padova e nell’Associazione G. Zamborlin di Terrassa Padovana.

Ricopre il ruolo di primo clarinetto nelle orchestre “Orchestra Sperimentale”, “Gaga Symphony Orchestra”, “Nova Symphonia Patavina” e “The Wallace Project”; saltuariamente collabora con la “Venice Chamber Orchestra”; con alcune di queste ensemble ha  partecipato a masterclass con Maestri come Beuerle e Nahel Al Halabi.

Dal 2016 suona con i gruppi cameristici messicani “Son Mestizo” e “Damilla” guidati dal chitarrista messicano Josè Angel Ramirez Ragoitia, e in un nuovo quartetto di clarinetti che spazia dal repertorio Jazz, Blues alle colonne sonore e alla classica.

Fino al 2014, per diversi anni, ha tenuto la borsa di studio come assistente preparatore del reparto fiati dell’orchestra “I Polli(ci)ni”, orchestra giovanile del conservatorio di Padova in cui per anni ha ricoperto i ruoli di primo clarinetto, clarinetto basso e sassofono solista.

 

Ritrattista e pittrice anche su commissione, esegue saltuariamente mostre di ritratti con varie tecniche artistiche.

Maria Lisa Girardello

Tutor

Maria Lisa Girardello è nata a Padova in una famiglia dove ha respirato fin da subito l'amore per la musica. Ha iniziato lo studio del pianoforte a 7 anni con Buja Renzo. Entrata in Conservatorio a Padova, ha studiato con M. Mingardo e, successivamente, con Memo Mario e, in Piemonte, con Guglielmo Antoniotti, che le ha trasmesso la capacità didattica e l'intraprendenza. Si è diplomata a Cuneo, centro culturale molto attivo, dove è venuta in contatto con vari ambienti musicalmente più disparati e ricchi. Si è perfezionata poi con De Marzi e Zambello per la parte didattica e corale e con Calessi per la composizione. Ha una formazione eclettica che comprende il canto, gli strumenti e la danza. Numerosi sono i corsi di aggiornamento ai quali ha partecipato. Si è dedicata prevalentemente all'insegnamento, anche se ha suonato in formazioni cameristiche di vario genere musicale, cantato in varie formazioni corali, diretto cori soprattutto di ragazzi. Durante gli anni dell'insegnamento ha ottenuto vari riconoscimenti:

1988 primo premio concorso nazionale di composizione Castagneto Carducci
1992 primo premio Apollo d'oro per l'esecuzione musicale Firenze
1992 medaglia d'argento per l'esecuzione musicale Firenze
1992 medaglia di bronzo per il bel canto Firenze
2002 menzione speciale concorso Fortissimo (UNICEF) con la canzone LA VITA E' UN SOGNO
2004/2005/2006 partecipazione alla Rassegna Musicale del Veneto
2005 partecipazione al Musica scuola Festival
2006 prima classificata Concorso di Cene (BG)
2007 prima classificata al Festival Europeo della Musica di Loreto
2008 terzo premio al Concorso Nazionale Cene (BG)
2009 partecipazione al concorso Castiglione delle Stiviere (MN)
2009 primo premio Concorso Scuola di tifo Milano
2011 terzo classificato concorso Nazionale “Il nuovo Echo” Ferrara
2012 terzo premio concorso corale Verona
2013 primo premio Concorso Nazionale Montecchio Maggiore con menzione speciale
2013 partecipazione al primo concorso digitale
2014 secondo premio Concorso Nazionale Montecchio Maggiore

Dal 2004 ha partecipato al Progetto Over Tour e alle varie Rassegna musicali, tra le quali l'ultima nel 2014 a Villorba con le scuole per l'apprendimento pratico della Musica “Sistema Abreu”. Dal 2000 ha promosso l'istituzione di laboratori musicali, prima per alunni stranieri e in disagio di crescita, presso vari istituti scolastici poi con gli anni aperti a tutti e portando l'iniziativa a nuovi docenti per promuoverla in tutte le scuole. Ha fatto parte del direttivo della SIEM nei primi anni di fondazione a Padova. E' stata docente di vari corsi di aggiornamento per maestre, nonché tutor di nuovi docenti di Musica. Dal 2011 collabora alle Vacanze in Musica organizzate dal Conservatorio di Padova. Numerosi suoi allievi hanno continuato a fare musica, sia a livello amatoriale che a livello professionale, sia in Italia che all'estero sia nel classico che nel moderno. Attualmente insegna presso il II I.C. Ardigò, dove ogni ragazzo suona uno strumento musicale e dove sono molto attivi sia l'orchestra che il coro. Con la scuola organizza scambi musicali con l'estero, ultimamente con la Germania, ma in passato anche con altri paesi. Nell'I.C. Ardigò ha svolto, e svolge tuttora, il ruolo di referente del Progetto Musica fin dai suoi inizi e sotto varie presidenze. Ha fatto parte del Consiglio di Istituto. E' direttore della Giovane Orchestra Portello, nata nel gennaio 2014 e inserita nel Sistema delle Orchestre Giovanili d'Italia (Abreu) con la quale si è esibita a Catania dal 29 al 31 ottobre 2016.here

Please reload

1/11

© 2019 Orchestra Giovanile del Conservatorio Statale Musica C Pollini.